Tentativi di normalità

Tentativi di normalità in un sabato di giugno che sembra ottobre. Ieri sera ci abbiamo provato. Aperitivo in piazza, nonostante il freschino, e poi pizza in un ristorante, la prima da febbraio. Bene, ma non benissimo. Non lo so, il clima è strano, e non parlo del meteo che, come da programma, dopo mesi di bel tempo, ora regala temporali e un’arietta autunnale. No, parlo del clima tra la gente. Ce n’è poca in giro, poca per un sabato sera d’estate, mascherata e attenta alle distanze: qui non ho visto gli assembramenti di cui parlano i telegiornali, ma siamo in provincia, se c’entra qualcosa. Poca gente, tanti locali chiusi, negozi vuoti. Meglio così, dirà qualcuno, visto che l’emergenza non è rientrata, soprattutto in Lombardia. Già. Però uscire fa un po’ male al cuore. Combattuti tra la voglia di un sabato sera normale e il disagio del momento, che ci spinge sul divano, tranquilli, protetti, a casa nostra, pizza nel cartone e birra dal frigo. Passerà. Ma io ieri sera avrei voluto andare in centro alla piazza e urlare “non ne posso più! Rivoglio la mia libertà! Virus ci hai rotto!” e so che in molti si sarebbero uniti al mio grido. Poi però ci sarebbe stato assembramento e ho preferito desistere. Lo scrivo qui, in questa piazza dove si può urlare tutto insieme senza il rischio di contagio. Buona domenica ❤️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...