Dylan

Dylan era come Fonzie, Maverick, Mayo. Uno di quelli che hanno nutrito l’immaginario di noi ragazzine sognatrici. Avevo il poster in camera, lui, bello, il giubbotto di pelle, il ciuffo alla James Dean, lo sguardo serio, velato di tristezza. E Beverly Hills era l’appuntamento fisso per noi ragazzine degli anni 90, che non avevamo Instagram, Facebook, Netflix. Ma c’erano Brenda, Brandon (che fantasia sti nomi per due gemelli…), Donna, Kelly, che ci facevano sognare ed erano amici da imitare. “È morto Dylan” ho detto a mio marito. “Ma chi era Dylan?” Mi ha chiesto mio figlio. “Come chi era Dylan? Era Dylan” gli ho risposto. Quel pezzo di adolescenza tra i primi baci e le Smemo piene di scritti e adesivi, il chiodo e le felpe della Best Company. Bello, dannato, mitico. No, Dylan non è morto. Quelli come lui non muoiono. Vivono per sempre nel cuore delle ragazzine che li hanno amati.

#lukeperry #dylan

3 pensieri su “Dylan

  1. Io ricordo che a scuola avevamo le due fazioni opposte, si facevano le votazioni anche 😆 io ero più per Brandon, con quel suo fascino da bravo ragazzo… ma ricordo che la maggioranza era sempre per Dylan, bello e dannato… Vivrà ancora nei nostri ricordi di adolescenti degli anni 90 😍

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...