Metal detector 

Siamo tutti arrabbiati, costernati, impauriti. Tutti esperti di politica internazionale e di strategia del terrore. Tutti un po’ razzisti. Si sì tutti, perché è la comune reazione umana quella di fare di tutta un’erba un fascio. Ma quello che spaventa di più il giorno dopo i fatti di Berlino sono i metal detector per entrare nei mercatini di Nizza. Questa limitazione della nostra libertà individuale e sociale. Perché quando giri per un mercato, un suk, un carruggio, tra tanta gente, la massima violenza che ti aspetti è che ti portino via il portafoglio. Il sano borseggio. Che puoi gestire. Controllare. Combattere. Con un po’ di attenzione e stringendo la borsa. Fatto già sgradevole, ma tutto sommato accettabile. Mentre gli ultimi attentati annullano ogni difesa. A che servono i metal detector? Che un camion si fa un baffo di quelle porticine. Ecco. Mi spaventa questo. Il tentativo di terrorizzare il nostro quotidiano. E di gettare via secoli di lotte per la libertà personale, di pensiero, di azione. Di renderci quasi insensibili. Guardi la TV e pensi, di nuovo, no, accidenti, ma senti che l’indignazione non è così forte come le prime volte, che non ti stupisci più, che è già successo e succederà ancora. Ecco no. Paura sì ma abitudine no. Perché questo è ciò che vogliono. Indifferenza, diffidenza, divisione, tensione, conditi da una bella aria pesante anche nei giorni di festa. Questo è il vero terrore. Questo spaventa. Questo rischia di distruggere il mondo in cui siamo cresciuti. Molto più di mille bombe. Continuiamo ad arrabbiarci. A spaventarci. A sentirci tutti famigliari delle vittime. Ad organizzare feste eventi raduni. A non spaventare i nostri figli con frasi del tipo “non ti mando un gita a Roma perché magari fanno gli attentati”. No! Non mandarlo perché non hai i soldi, non lo merita, e mille altre ragioni. Ma non create la cultura del terrore, come invece sento fare. Dell’uomo nero. Perché altrimenti, davvero, avranno vinto loro. 

Annunci

Un pensiero su “Metal detector 

  1. Ottobiano

    Verissimo ma la psicosi dell’attentato purtroppo è presente tutti i giorni leggendo i giornali guardando la tv.Non è vita⁣

    Inviato da TypeApp ​

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...