Caffelatte

Buongiorno ai pensieri stropicciati del sabato mattina. Nel silenzio della casa. Al tavolo di una colazione lenta, unico vizio che mi porto dall’infanzia. Cappuccio e brioche, il resto può aspettare un attimo. Buongiorno alla mia tazza piena di ricordi, che il mattino raccoglie sogni e progetti, buoni propositi e nonlofaropiù, e li mescola insieme al caffè e al latte bollenti e tutto sembra possibile. Bianco e nero, il gioco degli opposti, ma a fine giornata sai che solo nelle mezze tinte si cela il segreto del quieto vivere. Buongiorno aprile, che sei passato lento questa volta, con una carriola di pensieri che maggio e giugno dovranno dipanare, se non saranno troppo distratti dalla loro sete di estate. Buongiorno amore, coi tuoi tormenti e le tue passioni, anima corpo essenza di questa vita piena di curve e dossi improvvisi. Buongiorno a tutti voi, amici conoscenti curiosi indifferenti, che la vostra giornata possa essere dolce come la marmellata di questa brioche, piacevole ma delicata, che troppa dolcezza annoia, ma un po’ di zucchero rende tutto più indolore 😘

Annunci

Bob

Una settimana in casa. Bloccata. Letto divano poltrona. Che se non ho ucciso qualcuno è solo perché avevo poche persone intorno. Tutte fidate e di cui avevo bisogno. Per una che non passa più di due ore ferma e seduta e deve esserci un buon motivo, tipo un film con Brad Pitt in TV, vi assicuro che é stato come un anno di reclusione. Seduta o sdraiata. Sofferenza immane per il mio lato B. Oltre a inflaccidirsi, perché è incredibile come ci metti anni a renderlo per lo meno guardabile e basta una settimana a ridurlo a roba molle, ma va be tanto è dietro non lo vedo, dicevamo oltre a diventare un budino, alla lunga duole. Non poco. Perché, e qui vi racconto uno scoop, anni fa lacolli si é quasi rotta l’osso sacro. Nel modo più stupido del mondo, scendendo col bob. Discesina per bimbi. Due gobbette che devi spingere per non stare ferma. Il mio piccolino di quattro anni davanti, io dietro, viene la mamma con te, che se no vai veloce ti fai male. Partenza. Lui ride. Tu, che ami la neve e scii da quando cammini, un po’ meno. Sto pezzo di plastica che scivola giù non ti è mai piaciuto, ma cuore di mamma per il tuo bimbo questo e altro. Prima gobba, salto, velocità, lui arretra e ride. Anche tu abbozzi, e mentre lo fai arriva la seconda gobba, salto e ricaduta secca sul bordo del bob. Esattamente sull’osso sacro. Quando mi hanno tolto il dente del giudizio mi hanno fatto meno male. Arrivi in fondo e non riesci ad alzarti. Lui ride, l’altro figlio pure, tuo marito anche. E quando accenni un “mi sono spaccata il sedere”, ovviamente lacolli non dice sedere ma la parola con la C scritta a carattere dimensione 100, tuo marito ride ancor di più. Non riesce a smettere. Pensi di chiamare il 118. Non per te, per lui, che adesso gli viene un colpo e ha le lacrime agli occhi. Per te una gru, un argano, e sto cavolo di bob mai più appoggerò le mie sacre natiche lì sopra. Vai a casa. Pian piano passa. Ma basta una seduta sbagliata per rinverdire quella bella mattina sulla neve. E l’osso incrinato c’é, lo dice la lastra. Me lo tengo. Sono passati sette anni ma le lunghe sedute mi ricordano i fasti di una giovinezza sul bob. Pure il sedere rotto, che non é mica da tutti. Nel gioco del celo/manca non ho rivali. Perché quando una ha culo è bene che lo dica subito 😉

Fotografie

Le fotografie. Quelle su carta. Quelle che stampi perché sai che sono speciali. Quelle che hai stampato perché non c’era il digitale. Quelle di te bambina e di loro piccolini. Che vedi tutte le somiglianze. Quelle delle tue nozze e dei tantissimi viaggi. Quelle della laurea e del giuramento di lui. Quelle del mare e della montagna. Quelle intime e quelle ritoccate. Sorrisi falsi sorrisi veri, ma pur sempre sorrisi. Mondi attimi ricordi tutti in un click. Certe notti sono tappezzate di fotografie. Tanti cerotti che rammendano l’anima. Certe notti sono questa notte, più a destra più a sinistra pronti cheese click….domani è già oggi.

Felicità 

Godete della felicità. Spremetela e non sprecatela. Può essere un minuto, mezz’ora, un giorno, due anni. Non importa. Sorridete e abbiate coraggio di dire “sono felice”. Vi servirà per quando non lo sarete più. Perché è incredibile. Per sopportare un minuto di dolore ci vuole almeno un giorno di felicità. Il dolore la dissipa come il vento le prime foglie secche a ottobre. Fate la scorta quindi. Senza paura di essere avidi. Il conto alla fine non sarà mai comunque in pari, ma avrete avuto momenti indimenticabili 

16 anni

Quando avevo 16 anni ero innamorata di un paio di occhi verdi. Era estate. Al mare. IL mare, Sestri Levante. E quello era il primo amore. Quello che ti fa battere il cuore. Quello che aspetti solo che ti saluti e ti fai del film per un cenno. Quello che ti bruci l’estate e le spalle a furia di sdraiarti in riva al mare per guardarlo. Quello che scrivi pagine e pagine sul diario, ma non hai foto perché allora il cellulare non c’era. Quello che alla fine diventa la storia della tua estate, anche se finisce. L’estate. La storia. Ma non la musica. Quella del juke box. Losing my religion suonava allora tra la sabbia. Losing my religion suona adesso. Alla radio. E le foto non servono. Rimangono le emozioni di una adolescente. Adesso che sono madre di un adolescente e spero che le provi anche lui queste emozioni. Belle. Bellissime. Come quegli occhi che riflettevano il mare. Come il sole il caldo la salsedine. Sensazioni che tatuano la nostra anima e non se ne vanno più. Madeleine che in una giornata di sole come oggi fanno sorridere al ricordo della ragazzina che ero e che forse ancora, dentro, sono.

Leo

Ho sempre amato Leopardi. Specialmente negli anni del liceo, quando le sue poesie e la sua parabola esistenziale hanno nutrito la mia anima. Quando tutti dicevano che era sfigato, quando il suo pessimismo veniva salutato con scongiuri vari, io lo amavo. Lo amavo perché il suo disagio era il mio. Perché il suo studio matto e disperatissimo era il mio. Perché quel corpo storpio in contrapposizione ad un’anima senza uguali faceva il pari con il rifiuto del mio di corpo, che ha segnato la mia adolescenza e non mi ha permesso di assaporare i cosiddetti anni più belli. Perché anche io ho urlato contro la natura, che ti illude e poi te lo mette in quel posto, io incapace di mostrarmi per quella che ero, nascosta dai miei libri, gli unici in cui trovavo vita sentimenti poesia, che non ero capace di vivere. E poi si cresce, si matura, la solitudine dell’adolescenza è diventata la mia forza, che quando sei sola nel baratro e riesci a risalire non c’é nulla che ti possa fermare. Invincibile. Highlander. Con i versi di Leo nelle tasche del cuore. Perché per sempre il naufragar m’é dolce in questo mare…

Amore

L’Amore. Ti chiedono cosa sia per te e non sai rispondere. Perché l’amore sono gli occhi dei tuoi figli. Il profumo della loro pelle. Il calore di un abbraccio. La rosellina in cucina che sboccia. La sabbia sulle gambe. La musica in auto strada dritta senza meta. I suoi occhi le sue mani il suo sorriso. L’albero di Natale. Il vino in un sacchetto per il tuo compleanno. L’aria sul viso e le montagne laggiù. Un letto disfatto e nessuna voglia di rifarlo. Una pagina bianca. Come questa. Che ha sete del mio inchiostro. Tu la pagina io l’inchiostro. Bianco e nero. Insieme, la poesia. 

Comandamenti

I dieci comandamenti della colli.
1.Il tacco 12 sempre e comunque. Tranne in spiaggia, in casa, in palestra. Perché c’è tacco e tacco. E un piede nudo curato che si aggira sul parquet sotto una gamba nuda è decisamente più sexi delle zoccolette in riva al mare tipo Sconsi.

2.Ama te stessa. Il prossimo tuo poi. Soprattutto se è maschio, prestante e con una propensione allo shopping.

3.La sincerità prima di tutto. Con te stessa. Guardati allo specchio e dì la verità tutta la verità nient’altro che la verità. A quel punto qualche bugia agli altri puoi anche ammetterla ma avrai un alleato invincibile. Il tuo spirito.

4.Bevi e mangia con moderazione. In settimana. E per dare il buon esempio. Nelle serate dai il peggio di te con gusto perché non c’è nulla di più fastidioso di una astemia e sempre a dieta. No vegan & co. please

5.Fitness for fun. Tutti i giorni e appena si può. E non per avere il culo alto ed evitare le braccia a tendina. Perché ti piace, dá energia, é uno stile di vita. E perché potrai permetterti qualche mohito in più.

6.Musica rock a tutto volume. Sempre. Al mattino pomeriggio sera. In macchina in casa per strada. E poco importa se i tuoi figli ti guardano come una pazza. Si, lo sei pazza, e le note sono la voce della tua follia.

7.Baci abbracci sorrisi. Ogni volta che si può. E non perché, come mi hanno detto, non ho problemi. Perché ne ho. È magari anche tanti. Ma il mondo si merita la mia gioia, non i miei musi.

8.Ama forte. Ama senza respiro. Con tutta te stessa e generosità. Con la mente il cuore e il corpo. Altrimenti non vale. Altrimenti non è amore. 

9.Scrivi e leggi con voracità. Nutri l’anima più del corpo. E non aver paura di far poesia, di scrivere quello che senti, di sognare tra le righe. La nostra anima é ciò che ci rende tanto speciali nel mondo animale.

10.Cambia abito più volte al giorno. Osa. Non seguire la moda ma il tuo sentire. Se hai caldo scopriti e se hai freddo metti il piumino. Fregatene dei giudizi altrui e delle malelingue. Sii felice se sparlano di te. Vuoi dire che sei interessante. La tappezzeria non la caga nessuno.
Ecco qui miei cari…E se avete dei dubbi, chiamate lacolli. Non ve li toglierà, anzi vi incasinerà di più. Ma almeno vi consolerete per il fatto che ci sia qualcuno più fuori di voi. Che sculetta. Senza vergogna. Sui suoi tacchi 12.

Domani smetto

Giornate di buoni propositi. Di seghe mentali sul si deve e non si deve. Di promesse alla domani smetto. Pure davanti allo specchio. E ti senti forte e convinta. Perfino più figa. Da fare la comunione la domenica. Poi arriva il fine settimana e ciao. Dalle schifezze a tavola ai bicchieri in più, i dieci comandamenti lasciano spazio ai sette peccati capitali. Che i conti non sono mai stata brava a farli. Figuriamoci se comincio a 41 anni.