Auto

Oggi mi sono sentita donna. Pienamente. Come poche altre volte. Ho usato l’auto nuova della mamma. Utilitaria carina, trendy nella forma e nel colore. Ma sì, dai, oggi ci faccio un giro. Accensione, trenta secondi e inizia a suonare l’allarme della cintura di sicurezza. Iniziamo male. Al primo stop già non la sopporto. Si, perché ha il sistema start and stop. Che ovviamente non so usare, per cui per me è stop. Punto. Al terzo incrocio mi sono già presa un tot di strombazzate e un “allora bella vuoi una mano?!? ” da una Mercedes targata Romania. E meno male non abito a Milano, altrimenti mi avrebbero tamponato all’istante. Va bè, parto, strada statale. Dopo un paio di chilometri comincia a lampeggiare una freccia. Shift. Si, ok, cambio, un attimo. Continua a lampeggiare e una vocina dice “cambia”. E no, eh, di solito è mio marito che si siede di fianco e dice cambia, frena, metti la freccia, sorpassa. Schiacci un tot di pulsanti sul volante e la freccia lampeggia, ma almeno lei sta zitta. Casello autostradale. Non ho il telepass. Non calcolo bene la distanza e mi fermo troppo lontana dalla colonnina del biglietto. E ho le braccia corte. Slaccio la cintura, mi allungo a dismisura. Nulla, non ci arrivo. Apro la portiera, naturalmente dietro c’è uno che mi guarda con sufficienza, scendo, facendo finta che mi sia caduto qualcosa, e con nonchalance prendo il biglietto. A quel punto la mia autostima vacilla, ma parto. L’autostrada è facile. E io ho il piede pesante. Mi annoio, per cui voglio arrivare presto. Musica a palla, rilassata, a un certo punto beep beep e una luce rossa si illumina sul cruscotto. Superato limite di velocità. E lo so, dai. Parte la solita vocina. Adesso ti aspetti che ti dica che non devi mangiarti le unghie, o che non devi massaggiare con il telefonino. Ha ragione, ma da un’auto no, grazie. Finalmente arrivi, pedaggio, fai la grande, hai tanta moneta, ti metti a contare e già quello nella garitta è invecchiato di un anno, poi ti cadono delle monete, cerchi di recuperarle e picchi una testata sul volante. Gli allunghi un pezzo da dieci, ti riempie di monetine, che secondo me ha fatto apposta, che getti di fianco, che già c’è la coda. Ovviamente la macchina non parte, start and stop, stop and start, dietro suonano, e questo aiuta sempre, panico totale. Esci dall’autostrada e c’è la polizia. Ti ferma, of course. Ma sei tranquilla, è tutto a posto, l’agente ti guarda e ti dice, ma si, facciamo l’alcol test…scenda signora. Ha bevuto? No no, non penso, anche se, se mi avesse visto al volante nell’ultima mezz’ora dei legittimi dubbi potrebbe averli avuti. Esito negativo. Saluti con un sorriso, sali in auto, cintura, luci, e parti. No, imballi. Intanto arriva un camion e ti fa i fari perché non hai messo la freccia. In quel momento mi sono sentita donna, come non mai. Al 100%. E poi, in fondo, quello che conta, è arrivare….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...